15 requisiti per il perfetto quaderno di BujoScrap e Bullet Journal... Leuchtturm1917 è il migliore?



Ciao amici!

Non c'è modo migliore per iniziare ad alimentare il mio blog, che farlo con un post che ha a che fare con INIZI 😊

E se parliamo del primo passo quando si avvia un Bullet Journal o BujoScrap, dobbiamo discutere la scelta stessa di un quaderno!

Come puoi immaginare, ci sono centinaia di quaderni disponibili sul mercato che potrebbero funzionare, che sono diversi in ogni paese. Personalmente ne ho già utilizzati molti, il che mi dà un'idea molto chiara di come sarebbe il mio PERFETTO quaderno di BujoScrap.

In questi giorni sto lavorando con un bellissimo Leuchtturm1917 che la stessa azienda tedesca mi ha regalato durante Creative World 2020 a Francoforte questo gennaio. È uno della loro ultima linea di colori muti in un bellissimo verde mela, con il mio nome inciso in oro sulla copertina, e mi hanno regalato una matita e un portapenne abbinati (vedere tutto insieme non può essere più carino ♥). Mi hanno contattato allo stand dove lavoravo e mi hanno offerto questo taccuino in modo che potessi testarlo con il mio sistema BujoScrap, e da quel momento devo a loro (oltre a un sincero e pubblico "Grazie") un feedback dettagliato su come sono andati i miei esperimenti col quaderno.

Ecco perché ho due obiettivi per questo post:

  1. Per elencare i requisiti che dovrebbe avere il mio perfetto quaderno per BujoScrap, giustificandoli.

  2. Valutare quanti e in che modo i taccuini di Leuchtturm1917 li soddisfano.


Per questo secondo scopo, è giusto dire che Leuchtturm1917 è uno dei leader indiscussi nel mondo dei quaderni, delle agende e della cancelleria in generale. Stiamo parlando di più di 100 anni di esperienza nel settore, e sì, hai indovinato… l'anno della sua fondazione fa parte del suo nome… Brillante deduzione! 😉

Ma non credo che sia l'unico motivo per cui lo stesso Ryder Caroll, inventore del Bullet Journaling, li scelse per produrre il taccuino "ufficiale" per il suo sistema; doveva esserci qualcosa di più della storia del marchio dietro la sua scelta ... e in questo post vi mostro che, in fatti, c'è il suo perché!

Vediamo allora ...

Quali caratteristiche dovrebbe avere il MIGLIOR taccuino per BujoScrap?

1- Qualità "a prova di abuso"

Affinché un taccuino per Bullet Journal o BujoScrap serva al suo scopo, lo portiamo ovunque, lo manipoliamo tutto il giorno, lo apriamo e lo chiudiamo mille volte (molte di loro dimenticano la penna all'interno, proprio lì! …al centro delle cuciture ... Ahi!) E credimi quando dico che è esattamente lì che ci rendiamo conto e apprezziamo la differenza tra un taccuino di qualità e uno più economico. Semplicemente l’essere carino non è abbastanza... la resistenza in un ambiente ostile è davvero un must!

E nel mio caso lo è ancora di più, dato che una volta completati, i miei quaderni devono servire ad uno scopo aggiuntivo che spesso include passarlo di mano in mano ... (sì! MANI DI ALTRE PERSONE!). Questo è così perché li porto con me agli show in cui lavoro per marchi come Chameleon Art Products, in eventi che vanno dalle piccole dimostrazioni in negozio alle più grandi fiere internazionali, come Creative World a Francoforte, dove passano letteralmente migliaia di persone allo stand ogni giorno ... (immaginami come un polpo cercando di salvare i miei taccuini di BujoScrap dai curiosi che, dopo aver visto le applicazioni dei prodotti, vogliono anche fare leva sulle pagine più personali dei miei quaderni ... 😰)

Ma tornando in argomento ... la domanda è: Leuchtturmn1917 è all'altezza di una simile battaglia???

La mia risposta, dopo averlo utilizzato intensamente per alcuni mesi, è un GRANDE “SI”. Fedele fino alla fine, e anche di più!

Pertanto: ♥♥♥♥♥ (valutazione di 5 cuori! - il massimo, e darei ancora di più)


2- Copertina rigida

Il mio quaderno per BujoScrap ideale dovrebbe avere una copertina rigida, non solo per essere più resistente (per i motivi spiegati al punto 1, ma anche perché amo usare timbri sulle mie pagine.

- "Cosa c'entrano i timbri?" (leggendo le menti di alcuni di voi 😉).

Bene, un bel po'...

Un quaderno con copertina rigida mi assicura di avere sempre una base solida e perfettamente uniforme su cui stampare (segreto principale per un perfetto trasferimento dell'inchiostro), senza dovermi preoccupare se il tavolo è perfettamente liscio o meno. In effetti, mi permette persino di applicare timbri alle mie pagine mentre tengo il taccuino in aria, il che significa che posso lavorare sui miei BujoScraps da dove voglio... un parco, la spiaggia, una spa ... beh, hai capito l'idea 😉

Una copertina flessibile non mi darebbe mai una tale libertà.

Ora, il verdetto di Leuchtturm1917 Bullet Journals: ♥♥♥♥♥ (= sono disponibili in copertina rigida)


3- Una gamma di colori di copertina, inclusa una versione bianca

Il motivo è molto semplice: mi piace variare.

Ok, ok. Non è vero, finisco sempre col mio amato turchese, e l'unico motivo per cui sto usando un verde chiaro invece è perché, come ti ho detto sopra, il mio attuale Leuchtturm1917 era un regalo del marchio, e beh... Sarebbe stato scortese rifiutarlo solo perché non è il mio colore preferito, giusto? (sono stati molto vicino però, è un bel verde 😉).

Ma torniamo ai colori di copertina... avere una varietà tra cui scegliere ci permette di cambiare (se lo vogliamo) in modo da non annoiarci, il che può anche aiutarci a identificare meglio ogni taccuino. Ciò è particolarmente utile per coloro che utilizzano diversi Bujo contemporaneamente con scopi diversi (uno per il lavoro, un altro per la vita personale, ecc.). In questi casi, scegliere un taccuino di colore diverso per ogni obiettivo o compito, rende le cose molto più semplici.

Ora ... il motivo per cui ho bisogno anche di una versione in bianco oltre a quelli colorati è perché ogni tanto mi piace personalizzare le copertine, intervenirle, disegnarle, colorarle ... e se parliamo di disegnare e colorare, il canvas perfetto per me sarà sempre il bianco 😊

Il verdetto di Leuchtturm1917 allora? = ♥♥♥♥♥

Oltre al bianco, è disponibile in un'ampia gamma di colori.

Penso che questa foto dica tutto (e include solo alcuni di quelli disponibili):


4- Legatura cucita (non incollata) che consente l'apertura piatta in qualsiasi parte del notebook senza cadere a pezzi.

Un buon taccuino di BujoScrap non dovrebbe essere solo robusto come accennato al punto 1, ma dovrebbe anche consentire un'apertura piatta in qualsiasi punto del taccuino... e rimanere piatto (aperto a 180 gradi) da solo!

Entrambi questi aspetti sono possibili solo se la rilegatura è cucita e non incollata, altrimenti si sfalderebbe premendo il taccuino per tenerlo aperto (non andrà da solo), e sarebbe un disastro.

Molti mi chiedono perché non uso direttamente un quaderno a spirale, o anche quelli forniti con quello che credo chiamino un "sistema di rilegatura a dischi" (molto popolare in questi giorni) che ti consente anche di aggiungere, rimuovere o riordinare le pagine come vuoi... Qualsiasi quaderno di questo tipo mi permetterebbe di aprirli e persino di girare le pagine a 360 gradi! Il motivo per cui preferisco ancora i taccuini cuciti invece è perché, soprattutto per le mie pagine di scrapbooking semplificate, amo lavorare sugli spread (prendendo una doppia pagina aperta come una sola) e non mi piace che vengano tagliati a metà da dischi o da un spirale... mi piace incollare, ad esempio, fogli A4 orizzontali decorati sullo sfondo di uno spread, o anche una foto stampata in A4 allo stesso modo, e lavorarci sopra ... quelli spread sono fantastici! Non è la stessa cosa con i dischi o una spirale disturbando a metà. Magari in futuro faccio un altro tentativo ma, almeno per ora, sono felice di restare con i tradizionali taccuini rilegati 😊

Quindi ... Leuchtturm1917 ha una rilegatura cucita di alta qualità? Sì!

Rimane aperto da solo su tutte le pagine? Sì, anche quello.

La mia valutazione = ♥♥♥♥ ...

Perché non 5?

Bene, Leuchtturm1917 (come farebbe qualsiasi buona azienda di notebook) rafforza la loro rilegatura incollando molto bene le cuciture per dargli maggiore resistenza, e ho scoperto che a volte (davvero molto occasionalmente) le pagine non si aprono al 100% proprio al centro della cucitura e potrebbe complicarmi un po’ se voglio, ad esempio, incollare un foglio A4 come sfondo a uno dei miei spread. Ma è un problema minore che serve a una causa più grande, quindi sono ancora contenta di com'è.

5- Avere 200 pagine o più

Quando usi un taccuino ogni giorno, non solo per organizzarti ma anche per documentare la tua vita, è inevitabile: ti ci affezioni al punto che non vuoi che finisca ... Quello, e anche il fatto che iniziare un nuovo notebook richiede sempre tempo, ci sono molte cose che devono essere migrate dall'uno all'altro per renderlo funzionale e di solito accade nei tuoi giorni più impegnativi (la legge di Murphy!)...

Quindi: più pagine = meno necessità di migrazione del notebook = molto meglio, giusto?

Il mio Leuchtturm1917 viene fornito con 251 pagine (sebbene sia commercialmente presentato come di 249, non so perché)... ma in entrambi i casi, il più voluminoso del suo genere.

La mia valutazione… = ♥♥♥♥♥

6- Carta di qualità, senza acido

Con il mio sistema di BujoScrap, sempre alterno le pagine di Scrapbooking semplificate tra le mie pagine di Bullet Journal, in modo da documentare le mie giornate, mentre mi organizzo, e così avere tutto in un unico quaderno.

Ora, se pensiamo al tesoro che ne risulta (perché questi quaderni diventano veri libri di vita, vale la pena conservarli!), Avere carta di alta qualità e senza acidi è essenziale per evitare (o almeno ritardare) l'ingiallimento e la rottura della carta col paso del tempo, permettendoci così di conservarli come eredità di famiglia, anche di passarli di generazione in generazione, se lo desideriamo.

Certo, se cerchiamo la conservazione, dobbiamo pensare anche a utilizzare foto, inchiostri, adesivi, ecc., che siano anche loro di pH neutro (= privo di acidi), cosa che fortunatamente in Europa è molto facile, poiché produrre carta in vecchi metodi tradizionali è vietato per motivi ambientali. Di conseguenza, tutta la carta prodotta qui è ora acid free (o dovrebbe esserlo, almeno). In Argentina, tuttavia (così come in molti altri paesi dell'America Latina) la maggior parte della carta è ancora prodotta in modi più inquinanti e il prodotto che ne risulta di solito non è acid free, quindi dobbiamo stare molto attenti se vogliamo seriamente la conservazione a lunghissimo termine.

Fortunatamente, i taccuini di Leuchtturm1917 sono acid free, quindi la mia valutazione è = ♥♥♥♥♥

7- Pagine numerate

È essenziale che ogni buon quaderno per Bullet Journal abbia pagine correttamente numerate, in modo da poter inserire e organizzare facilmente tutti i contenuti che crei in un indice. In questo modo è molto più facile e veloce accedere alle informazioni di cui hai bisogno, quando ne hai bisogno, senza perdere tempo a sfogliare tutte le pagine del tuo taccuino per trovare quello che vuoi.

Leuchtturm1917 ha le sue pagine numerate in un font elegante e non disturbante, e per quello ecco i miei ♥♥♥♥♥


8- Tre o quattro pagine per l'Indice

Un buon quaderno di Bullet Journal (e quindi di BujoScrap) deve avere uno spazio all'inizio per inserire l'indice. Personalmente, un solo spread (due pagine) per l'indice non è sufficiente ... c'è molto da inserire qui perché sia ​​davvero funzionale.

Il mio quaderno di BujoScrap ideale dovrebbe avere almeno 3 pagine per l'indice, con 1 o 2 pagine extra dedicate ai “tracker” e alle “collections”, così posso trovarle e accedervi più velocemente.

Inoltre, nel mio quaderno perfetto l'indice dovrebbe consistere in una colonna per l'argomento, seguita da un'altra, di dimensioni uguali o anche più ampia, per indicare il numero di pagine in cui quell'argomento è affrontato e ripetuto in tutto il taccuino. In questo modo solo devi inserire ogni argomento la prima volta, e aggiungere sulla stessa voce tutti i numeri di pagina in cui lo indirizzi di nuovo mentre vai avanti nel tuo quaderno. Ciò velocizza notevolmente l'organizzazione e la ricerca di contenuti nell'indice.

Non preoccuparti che nei prossimi post ti mostrerò tutto questo in dettaglio. Per ora, ciò che conta è che la maggior parte dei taccuini viene fornita con questi spazi nell'ordine esattamente opposto. Una piccola colonna iniziale per i numeri di pagina, seguita da una molto più ampia per la descrizione o l'argomento, e finisco sempre per invertirli o modificarli per migliorarne la funzionalità.

Leuchtturm1917 non è l’eccezione, oltre ad avere solo due pagine (1 spread) per l'indice, quindi soddisfa solo una parte delle mie aspettative.

Valutazione per il Bullet Journal di Leuchtturm1917 in questo punto: ♥♥♥


9- Tutte le pagine stampate con una griglia punteggiata sottile di 5 mm!

Sebbene possiamo usare qualsiasi taccuino come Bullet Journal o BujoScrap, è molto più facile se partiamo dalla base di uno con pagine punteggiate.


Ci sono diversi motivi per questo, ecco i miei tre principali:


  • Una griglia di puntini ci aiuta a scrivere in linee rette, verticalmente o orizzontalmente, poiché i punti funzionano visivamente come linee di riferimento in qualsiasi orientamento.

  • Ci aiuta a disegnare linee rapide a mano libera in qualsiasi direzione e più o meno diritte senza bisogno di un righello (dipende un po 'dal tuo polso 😉)

  • Sono molto meno inquietanti delle tipiche griglie di linee che mi ricordano solo i quaderni di matematica delle scuole superiori.


Ora, avere pagine a griglia tratteggiata per me non è sufficiente. Queste griglie devono inoltre essere costituite da:

  • Punti molto piccoli e preferibilmente in un grigio molto, molto chiaro, abbastanza da essere visibili e servire come guida per le pagine della mia organizzazione (Bujo), ma senza disturbare e affettare l'estetica delle mie pagine più artistiche (specialmente di art journaling e quelle di Scrapbooking).

  • Punti separati di 5 mm l'uno dall'altro, che non solo dà abbastanza spazio per scrivere senza problemi, ma serve anche come riferimento rapido per la misurazione, poiché per tutti noi che usiamo il sistema metrico, contando punti alternati possiamo misurare i centimetri, e quindi organizzare i nostri spazi molto velocemente e facilmente, senza bisogno di un righello (sì, hai capito bene ... io e il righello non siamo i più grandi amici 🤭)

Ora, la valutazione di Leuchtturm1917 considerando tutto questo: ♥♥♥♥

  • Ha una griglia tratteggiata ei punti sono i più piccoli di tutti i taccuini che ho visto.

  • La griglia è debitamente distanziata di 5 mm.

  • Il colore dei punti è un po’ scuro per me e questo è l'unico motivo per cui non poso darli tutti e 5 i cuori in questa categoria.


10- Il colore della carta nel mio perfetto quaderno di BujoScrap deve essere bianco o ivory, non crema


Mentre le carte crema (gialle) hanno dimostrato di aiutare a rilassare la vista, il mio perfetto taccuino di BujoScrap dovrebbe avere pagine bianche (non crema, non gialle, ... BIANCHE).

I colori risaltano molto di più sui fogli bianchi, lo Scrapbooking semplificato e le creazioni artistiche sono sempre più attraenti su uno sfondo bianco, maggiori contrasti si ottengono con qualsiasi mezzo su sfondo bianco, puoi giocare con il bianco della carta per dare luci migliori a un immagine se effettivamente usi una carta BIANCA, insomma ... è una scelta personale al 100% ma penso che la maggior parte di chi ama colorare abbia almeno una leggera inclinazione verso i quaderni con carta bianca su una giallastra. Dopotutto, la tela bianca perfetta è sempre bianca.

Sfortunatamente, i taccuini Leuchtturm1917 usano carta crema invece che bianca ed è in realtà una crema piuttosto gialla ... Se potessi cambiare solo una cosa in essi sarebbe questo. Penso che il perfetto equilibrio tra il bianco puro (carta per me ideale ma che stanca gli occhi) e il colore crema che usano, sarebbe una carta ivory, abbastanza bianca da rendere i colori più brillanti, ma abbastanza smorzata da non lasciarci accecati 😉

Verdetto quindi per Leuchtturm1917 a riguardo: ♥♥ 🤔


11- La carta nel mio taccuino di BujoScrap ideale dovrebbe essere di 100g o di più

La grammatura di un tipo di carta è definita dal peso di un metro quadrato di essa, che dipende da diversi fattori: spessore, composizione, compressione durante la produzione, ma questo è argomento di un altro post 😉. Ciò che conta per ora è che viene misurata in grammi per metro quadrato (userò semplicemente "g" per gli scopi di questo post, anche se dovrebbe essere g/m2), e che i quaderni standard sono solitamente realizzati con carta di 80g.

Se la carta è di buona qualità, questa grammatura di solito è più che sufficiente per tollerare la normale scrittura con le normali penne, quindi, per chi utilizza il tradizionale e minimalista sistema Bullet Journaling, è sufficiente una carta da 80g, purché non ti dia fastidio il fatto che vedrai attraverso alcune delle scritte dal retro della pagina ... Questo è noto come "ghosting" ed è quasi inevitabile a questo peso.

Ora, se sei come me e il ghosting ti dà fastidio, se ti piace giocare con diversi tipi di penne e pennarelli, se ti piace colorare, disegnare, usare timbri e tutte quelle cose che so che anche la maggior parte dei miei follower amano, allora saremo tutti d'accordo sul fatto che 80g non è davvero sufficiente, perché le nostre opere o arte su un lato della pagina sarebbero rovinate quando scriviamo o creiamo qualcos'altro sul retro di quella pagina, anche se si tratta di un semplice “daily log” (non pensare se ci lasciamo andare e mettiamo anche decorazioni stampate o disegnate!)

Aumentare leggermente la grammatura di una carta di buona qualità da 80g a 100g, non solo eliminerà la maggior parte del ghosting, ma ridurrà anche notevolmente il “bleeding” (inchiostro non solo visibile ma effettivamente passante dall'altra parte della pagina). Se ti piace la calligrafia tradizionale di penna e inchiostro, scrivere con penne stilografiche o altri mezzi contenenti inchiostri più fluidi, devi anche assicurarti di testare il “feathering” (inchiostro che scorre attraverso i pori della carta, in modo che le tracce risultanti non sono più precise come volevi che fossero). Generalmente, la produzione di carta ordinaria riduce il livello di compressione quando si aumenta lo spessore e il peso della carta risultante, pertanto, i rischi di questo feathering tendono ad aumentare...

Ma tornando al peso della carta del mio BujoScrap ideale, sarebbe da 100 a 120g, parlando sempre di carta di alta qualità con una buona compressione per evitare o ridurre al minimo i rischi di ghosting, bleeding e feathering, e per consentire l’utilizzo di medium acquosi, come l'acquerello (con moderazione, stiamo ancora parlando di un taccuino qui! 😅) o anche alcuni adesivi che finiscono per arricciare le pagine delle grammature più sottili.

Che possiamo dire di Leuchtturm1917 in questo caso?

Questo marchio si è sempre contraddistinto per la qualità della carta nei suoi taccuini, che, nonostante i suoi scarsi 80 g, il bleeding o feathering e minimo a inesistente. Il ghosting è inevitabile con questa grammatura ma essendo così sottile consente anche di creare quaderni con un numero elevato di fogli (che è una delle mie esigenze) senza essere troppo ingombranti o pesanti. Questo, insieme all'elevata qualità della carta che offre un'esperienza di scrittura molto fluida, li ha resi la prima scelta della maggior parte degli amanti del Bujo ... se solo offrissero questi stessi vantaggi in una grammatura di almeno 100g sarebbe perfetto anche per noi, i "BujoScrapers".

Fino ad allora, il mio verdetto al riguardo è: ♥♥♥


12- Avere una busta posteriore a soffietto di alta qualità, di buona capacità

La maggior parte dei quaderni per Bullet Journal include una busta posteriore per portare adesivi, biglietti, ecc. Questo è ancora più necessario per quelli di noi che facciamo BujoScrap "on the go" (a cui piace portare i nostri quaderni ovunque per documentare quelle cose divertenti o importanti, subito dopo che sono accadute).

Ora, molti dei marchi che ho testato sono dotati di buste ma senza soffietti (non si espandono), limitando la loro capacità e praticità, e aumentando i rischi di strapparlo o danneggiarlo con l'uso.

Perché una busta sia di qualità e funzionale deve essere:

  • Il più grande possibile (che occupa l'intera copertina posteriore del notebook)

  • Deve avere un soffietto, in modo che si espanda, così è facile mettere o rimuovere cose dalla busta

  • La parte del soffietto dovrebbe essere realizzata in materiale sintetico anziché in carta per renderla più resistente e infrangibile.

  • Il soffietto deve essere saldamente incollato alla busta, così come la busta al taccuino, in modo che non si stacchi nel tempo e nell'uso.

Sembrano cose basilari, ma molti marchi non prestano abbastanza attenzione a questi dettagli, e credetemi che affinché la busta serva davvero al suo scopo e ne giustifichi l'esistenza, deve soddisfare almeno quelle caratteristiche.

Leuchtturm1917 lo fa, e per questo ecco i miei ♥♥♥♥♥


13- Un buon pen loop (porta penna), se è dello stesso colore del quaderno, ancora meglio! 😍

Se vuoi portare il tuo quaderno con te ovunque tu vada (io si), allora il tuo quaderno deve includere un buon “pen loop”. Deve essere di un ottimo elastico per tenere saldamente qualsiasi tipo di penna o pennarello che scegliamo: se è spesso deve stare comodamente, se è sottile non deve essere allentato o eseguiremo il rischio di perderlo per strada (o peggio, che scompaia nel buio del "triangolo delle Bermuda" delle nostre borsette!).

E se parliamo di perfezione, oltre a questo, deve corrispondere al colore del taccuino 😊

Leuchtturm1917, in questo senso, è andato anche oltre.

Sebbene i loro taccuini non siano dotati di un pen loop incorporato, li offrono separatamente in tutta la gamma di colori identici a quelli dei taccuini, quindi puoi abbinarli o mescolarli se vuoi! Sono dotati di un adesivo molto forte che ti consente di posizionarli saldamente alla copertina posteriore del tuo notebook, all'altezza che preferisci, e ti consente di aggiungerne più di uno se usi più pennarelli contemporaneamente (nel mio caso un buon brush pen + una penna nera sono essenziali 😉).

Non è ancora abbastanza buono? Che ne dici di avere anche delle matite abbinate a quei colori? Oh, sono carini tutti tre insieme!

Per questo, e solo in questo caso, oso infrangere tutte le regole e dare a Leuchtturm1917 una valutazione di 6 cuoricini, dei 5 disponibili 😉: ♥♥♥♥♥ ¡♥! (le cose carine e con i colori abbinati sono la mia debolezza, cosa posso dire!).

14- Almeno tre nastri segnalibri, di diversi colori

Quando siamo di fretta, è molto importante poter aprire rapidamente il nostro taccuino nelle sezioni più critiche dei nostri Bujo senza doverle cercare o fare riferimento all'indice. È allora che ci rendiamo conto dell'importanza dei nastri segnalibri.

Il mio quaderno di BujoScrap ideale dovrebbe averne tre: uno per il giorno corrente, uno per il registro di riferimento mensile o settimanale e uno per la collezione, il progetto o il tracker più importante per l'organizzazione o la documentazione di quel momento.

I segnalibri devono essere saldamente attaccati alla struttura del taccuino (la forte trazione che subiscono in ogni momento è notevole!). Devono essere di colori diversi in modo da poter assegnare ciascuno a un compito diverso e identificarli facilmente (e, naturalmente, devono essere di bei colori corrispondenti allo stile del taccuino 😉).

Ma non è tutto, devono essere anche molto sottili, sia in larghezza che in spessore, in modo da generare il minor volume possibile, minimizzando i rischi di scrittura distorta quando li si passa sopra con la scrittura su pagine vicine.

In un'altra nota, le loro estremità devono essere adeguatamente sigillate in modo che non si sfilacciano (che considero un imperdonabile trascuratezza di alcuni marchi 🤨)

Vediamo come si trova il nostro caro Leuchtturm1917 su questo aspetto ...

  • Viene fornito con 2 segnalibri (molti ne hanno solo uno, ma ancora non abbastanza)

  • Sono saldamente attaccati alla struttura del notebook. Super!

  • Sono un po’ troppo spessi e larghi, influenzando la mia scrittura sulle pagine vicine.

  • Sono ben sigillati alle estremità; non si sfilacciano 👏 👏 👏

  • Colori abbinati alle copertine, adoro quel dettaglio ...

Il mio verdetto quindi: ♥♥♥ (sono ok ma potrebbero essere migliori).


15- Avere alcune pagine forate (per staccarle facilmente senza danneggiare la struttura del quaderno)

Non sappiamo mai quando avremo bisogno di lasciare un messaggio scritto a qualcuno e l'unica cosa che abbiamo a portata di mano in quel momento è il nostro BujoScrap e una penna... avere dei fogli perforati alla fine del nostro taccuino che possiamo strappare senza comprometterne la rilegatura, può essere molto opportuno.

Ho visto quaderni che, oltre a questo, hanno alcune pagine aggiuntive che sono forati anche in modo da poter strappare parti di quelle pagine, come se fossero piccole tesserine, ed è una idea geniale per non sprecare un'intera pagina se ti serve solo una parte.

Il mio quaderno di BujoScrap ideale dovrebbe avere entrambi, alcune pagine perforate che possiamo strappare intere e alcune che possono anche essere suddivise in frazioni più piccole ... Immagino un paio di quelle pagine divise in quattro e un altro paio diviso in otto parti (ideale per dare il tuo numero a qualcuno/a, ... non c'è bisogno di sprecare l'intera pagina per quello 😉).

Leuchtturm1917, con mia sorpresa, ha delle pagine perforate alla fine! Gli ultimi 4 fogli (8 pagine) sono pretagliati per staccarli senza compromettere la struttura del quaderno. Avrebbero solo bisogno di aggiungere alcuni perforati in sezioni più piccole per essere perfetti, ed è per questo che sacrifico uno dei 5 cuoricini, valutandoli ♥♥♥♥ in questa categoria.

Come puoi vedere, il solo atto di scegliere il taccuino giusto per entrare nell'incredibile mondo del BujoScrap non è un compito da prendere alla leggera 😉

Fortunatamente per coloro che sono appena agli inizi, in questo post troverai un lungo elenco dettagliato di fattori da considerare, che ho scoperto solo attraverso i miei tentativi ed errori nel tempo.

Il mio obiettivo con questo post è ridurre le tue possibilità di sprecare denaro o tempo in alternative che non si adattano alle tue esigenze, nella speranza di tentarti in questa iniziativa di organizzare la tua vita in un quaderno, migliorando la tua produttività e permettendoti di fare qualcosa di creativo nel processo. E se ti induco a documentare almeno un pezzetto della tua storia ogni tanto, allora la mia missione sarà pienamente compiuta (e alla fine mi ringrazierai per questo 😉).

Se hai già il tuo Bullet Journal o il tuo taccuino BujoScrap preferito, rispolveralo! perché nei post seguenti ci mettiamo al lavoro!

Chi ha ancora bisogno di acquistare un nuovo taccuino e si chiede se il famoso Leuchtturm1917 sia quello giusto per iniziare, la mia risposta è: SI!

Sebbene ci siano dettagli che cambierei per renderlo ancora più adatto al mio sistema di BujoScrap e agli usi creativi, il Leuchtturm1917 è comunque per me la scelta più sicura soppesando tutti gli aspetti insieme: qualità, estetica e funzionalità.


Chissà? Proprio come ho progettato quell'edizione speciale dei miei quaderni di BujoScrap in co-branding con Chameleon Art Products per il lancio dei loro incredibili fineliner che cambiano colore, forse un giorno potrò lanciare una linea speciale per i miei BujoScrap con Leuchtturm1917! ♥ (lasciami un messaggio se ti piace l'idea 😉).




Nel frattempo, ecco la versione punteggiata di Leuchtturm1917 che consiglio, seguita dai pen loop autoadesivi e dalle matite corrispondenti.

Restate sintonizzati che aggiornerò questo post a breve con alcune alternative di quaderni di maggiore grammatura, o con altre funzionalità per chi non è del tutto convinto che questo particolare Leuchtturm1917 si adatti a tutte le vostre esigenze.

Ogni prodotto è seguito dai link a siti esterni dove è possibile acquistarli in diversi paesi. Se non cito il tuo, lasciami un messaggio e cercherò di scoprirlo!

I QUADERNI: Fai clic qui per acquistarli su Amazon da:

Nota: si tratta di link di affiliazione a siti web esterni. Prezzi e disponibilità possono variare e non dipendono da me. Se segui uno dei miei link e non sono in stock fammelo sapere nei commenti e cerco delle alternative.

Li vendi o li distribuisci nella tua città o paese e vorresti che menzionassi il vostro negozio invece di Amazon? Scrivimi a info@carolinaghelfi.com e ti spiego come!


I PEN LOOP: Fai clic qui per acquistarli su Amazon da:

Nota: si tratta di link di affiliazione a siti web esterni. Prezzi e disponibilità possono variare e non dipendono da me. Se segui uno dei miei link e non sono in stock fammelo sapere nei commenti e cerco delle alternative.

Li vendi o li distribuisci nella tua città o paese e vorresti che menzionassi il vostro negozio invece di Amazon? Scrivimi a info@carolinaghelfi.com e ti spiego come!


LE MATITE: Fai clic qui per acquistarle su Amazon da:

Nota: si tratta di link di affiliazione a siti web esterni. Prezzi e disponibilità possono variare e non dipendono da me. Se segui uno dei miei link e non sono in stock fammelo sapere nei commenti e cerco delle alternative.

Li vendi o li distribuisci nella tua città o paese e vorresti che menzionassi il vostro negozio invece di Amazon? Scrivimi a info@carolinaghelfi.com e ti spiego come!

Aggiungerò altri prodotti non appena li testerò per darti più opzioni e alternative ... nel frattempo, se questo post ti è piaciuto e lo trovi utile, per favore condividilo sulle tue reti così possiamo aiutare gli altri a salvare tempo sulle loro ricerche del taccuino perfetto.

Ricorda:

a) Iscrivendoti alla mia newsletter (dal piè di pagina di questo blog) riceverai via e-mail un riepilogo settimanale di tutto ciò che accade sul mio sito in modo da non perderti nulla, insieme a un regalo diverso (digitale, da stampare) ogni settimana.

b) Registrandoti gratuitamente nell'area Membri (parte superiore-destra del sito), riceverai anche un regalo iniziale speciale, e avrai accesso ad altri contenuti regolari gratuiti, che sono esclusivi per i membri attivi (se sei già un membro, assicurati di accedere almeno una volta al mese in modo che il sistema ti consideri attivo 😉)

c) Effettuando un acquisto utilizzando alcuni dei link che menziono nei miei post, mi aiuterai a supportare questo blog in modo che io possa continuare a fornirti contenuti gratuiti di qualità, grazie ai miei partner affiliati che mi offrono una piccola commissione per ogni vendita, senza alcun costo aggiuntivo per te ... GRAZIE in anticipo per questo ♥.

Dimmi nei tuoi commenti quale quaderno stai usando o prevedi di usare e le tue ragioni per sceglierlo, così arricchiamo ulteriormente questo post e impariamo gli uni dagli altri.

A presto!



Follow me...
  • SOCIAL%2520MEDIA%2520ICON%2520instagram_
  • SOCIAL%20MEDIA%20ICON%20facebook_edited.
  • SOCIAL%20MEDIA%20ICON%20pinterest_edited
  • SOCIAL%20MEDIA%20ICON%20youtube_edited
  • SOCIAL%20MEDIA%20ICON%20twitter_edited
  • SOCIAL%20MEDIA%20ICON%20linkedin_edited.
Subscribe to my newsletter...
Email me!

Privacy Policy

Payments, Returns & Refunds

Affiliate Disclosure

Chat with me...

© 2020 by Carolina Ghelfi Arts & Life ♥ www.carolinaghelfi.com ♥ P.IVA 03744520135 ♥ Via Trieste 18 - 23900 Lecco (LC) - Italia